Home Eventi “EU 013 – L’Ultima Frontiera” e impegno civile al Nuovo Aquila

“EU 013 – L’Ultima Frontiera” e impegno civile al Nuovo Aquila

CONDIVIDI

3443-EU-013-L-Ultima-FrontieraVenerdì 10 Gennaio 2014 alle 20.30 al Nuovo Cinema Aquila di Roma prima romana di “EU 013 – L’Ultima Frontiera”. Il primo film documentario girato nei Centri di Identificazione ed Espulsione italiani presentato alla 54esima edizione del Festival dei Popoli e in concorso all’IFFR, il Festival Internazionale di Rotterdam è al centro della serata di impegno civile “Mai più Cie”. Intervengono: Alessio Genovese, regista; Raffaella Cosentino, coautrice; Gabriella Guido, campagna LasciateCIEntrare; Alberto Barbieri, Medici per i diritti umani (dossier: Arcipelago Cie); Senatore Luigi Manconi, presidente Commissione Diritti Umani del Senato; Salvatore Fachile, avvocato Asgi; Grazia Naletto, presidente Lunaria (rapporto: Costi disumani). Presenta Massimo Vattani.

“EU 013 L’Ultima Frontiera” è il primo film documentario girato all’interno dei Centri di identificazione e di espulsione italiani (C.i.e.), dove ogni anno circa 8mila persone vengono trattenute per un periodo di tempo che arriva fino a 18 mesi, in regime di detenzione amministrativa, cioè senza avere commesso un reato penale e senza essere stati giudicati nel corso di un processo. Sessanta minuti di immagini inedite che mostrano i retroscena del controllo delle frontiere italiane e la vita quotidiana nei C.i.e.
Protagonisti sono gli agenti della Polizia di Frontiera e i migranti irregolari. Grazie alla collaborazione con il Ministero dell’Interno, le telecamere sono riuscite ad entrare dove nessuno era arrivato prima. Dalla sala d’attesa del Terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino dove vengono fatti sostare gli stranieri in attesa del respingimento, alle gabbie dei centri dove avvengono i rimpatri forzati. Fino allo scoppio di una rivolta in presa diretta.

“EU 013 – L’Ultima Frontiera” è stato realizzato dagli autori Raffaella Cosentino e Alessio Genovese, alla regia, grazie al sostegno di Open Society Foundations. Il film è stato girato all’aeroporto internazionale di Fiumicino, al porto di Ancona, e nei C.i.e. di Roma, Bari e Trapani.

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here