Home Eventi Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2014, si scelgono le terne finaliste...

Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2014, si scelgono le terne finaliste all’Eliseo

CONDIVIDI

Le-Maschere-del-Teatro-Italiano-2014111La Fondazione Campania dei Festival, che organizza il Napoli Teatro Festival Italia, propone in collaborazione con l’Agis, il premio Le Maschere del Teatro Italiano (ideato dal regista Luca De Fusco e dal critico Maurizio Giammusso).

Lunedì 30 Giugno, ore 20.30, la seduta pubblica al Teatro Eliseo di Roma dove una giuria di esperti composta da 14 giurati – Gianni Letta (presidente di giuria), Luigi Grispello (presidente Fondazione Campania dei Festival), Caterina Miraglia (Cda Fondazione Campania dei Festival), Giancarlo Leone (direttore Rai 1), Carlo Fontana (presidente Agis), Giulio Baffi (critico La Repubblica), Marco Bernardi (direttore Teatro Stabile di Bolzano), Maricla Boggio (drammaturgo), Emilia Costantini (critico Corriere della Sera), Masolino D’Amico (critico La Stampa), Maria Rosaria Gianni (capo redattore cultura Tg1), Enrico Groppali (critico Il Giornale), Massimo Monaci (direttore Teatro Eliseo), Andrea Porcheddu (critico Linkiesta.it) – sceglierà le terne finaliste, discutendo e votando davanti ad una platea di addetti ai lavori.

A decretare la vittoria in un secondo momento sarà una più ampia giuria composta da oltre 500 artisti e addetti al lavoro che voteranno a scrutinio segreto i vincitori per ciascuna delle undici categorie in gara. I vincitori saranno annunciati il 5 Settembre, durante la serata di premiazione al Teatro San Carlo di Napoli, che verrà trasmessa da Rai 1.

Il Premio nasce nel 2002, quando il regista Luca De Fusco e il critico Maurizio Giammusso pensarono di creare un premio che potesse rappresentare tutto il teatro italiano nella ricchezza delle sue esperienze, nella varietà delle sue espressioni artistiche e produttive, un premio consegnato da critici, artisti e professionisti della scena ai loro colleghi. L’idea piacque subito all’ETI, ai responsabili del Ministero e a un vero appassionato del teatro, Gianni Letta, che da allora ne è un sincero sostenitore.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here