Home Articoli Apulia Film Commission: fondi per oltre 3 milioni di euro, novità Regional

Apulia Film Commission: fondi per oltre 3 milioni di euro, novità Regional

CONDIVIDI

3636633-Apulia-film-commis

Con oltre 3 milioni di euro a disposizione per il 2014, uno dei più alti in Italia, l’Apulia Film Commission prosegue il suo percorso innovativo inaugurando una nuova stagione per il sostegno all’industria cinematografica e audiovisiva, attraverso quattro bandi di finanziamento a fondo perduto destinati alle produzioni che girano in Puglia.

Apulia Film Commission, nel 2013, ha registrato una straordinaria crescita in ogni settore produttivo di intervento nel settore dell’audiovisivo. I dati dell’anno appena concluso, sono più che confortanti se si pensa che gli impatti sul territorio generati dalle produzioni audiovisive realizzate in Puglia sono di circa 10 milioni e mezzo di euro (10.477.840,25), a fronte di uno stanziamento di poco inferiore ai 2 milioni e mezzo di euro (2.454.238,00), con un incremento del 161% rispetto al precedente anno. Apulia Film Commission infatti, attraverso i suoi quattro fondi, ha sostenuto 56 progetti filmici di cui 19 lungometraggi, 8 documentari, 10 cortometraggi, 2 serie televisive, 8 tv show, 1 serie web, 5 videoclip, 1 web movie e 2 spot, che hanno coinvolto le sei province pugliesi.

Per il 2014, sono molte le novità che riguardano i bandi a iniziare dalla fusione dei fondi Apulia National & International Film Fund, bando a sportello fino ad esaurimento della dotazione finanziaria complessiva pari a 1.850.000,00 euro. Novità anche per le percentuali di rebate, ancora più alte: ben il 25% delle spese sostenute in Puglia per lungometraggi, film TV-Web e serie TV-Web e il 50% per i documentari e le docufiction. Il fondo è cumulabile con tutti gli altri fondi della Fondazione AFC ad esclusione dell’Apulia Regional Film Fund. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione valuterà i progetti entro 60 giorni dalla data di ricezione della domanda. Tutte le domande dovranno essere inviate entro l’inizio della lavorazione del progetto filmico e risponderanno a rigidi criteri di selezione.

Per quanto riguarda Apulia Hospitality Fund, la cui dotazione complessiva è di 1.480.000,00 euro, cambia il criterio di assegnazione delle risorse. Oltre ad allargare l’ammissibilità a tutte le tipologie di progetti filmici, prevede anch’esso il rebate automatico, ossia un rimborso del 50% delle spese di vitto e alloggio sostenute in Puglia. La prossima prossima data di scadenza è prevista al 31 Marzo 2014 con una dotazione complessiva di 400 mila euro.

L’altra importante novità per il nuovo anno è rappresentata dall’istituzione di Apulia Regional Film Fund, un nuovo e innovativo bando a sportello che permette di sostenere le produzioni audiovisive, cinematografiche e televisive con sede legale e operativa in Puglia, che presentino progetti con regista nato o residente in Puglia, che rimborsa il 50% delle spese, ovunque siano sostenute. Il nuovo fondo, non cumulabile con gli altri tre, ha una dotazione complessiva di 150 mila euro con un sostegno massimo a ciascuna produzione di 50 mila euro. Scopo del nuovo fondo, quindi, è di sostenere la realizzazione di progetti filmici favorendo la crescita delle professioni regionali artistiche e tecniche nella produzione audiovisiva.

Diventa bando a sportello anche Apulia Development Film Fund, il fondo per lo sviluppo di progetti filmici a sostegno dei talenti della scrittura audiovisiva. Il fondo, che si rivolge a produzioni europee ed extraeuropee, prevede un’ambientazione minima del 60% in Puglia e si avvale di una dotazione complessiva di 80 mila euro, per un massimo di contributo pari a 10 mila euro a forfait. Il fondo è cumulabile con gli altri, ad eccezione di Apulia Regional Film Fund.

Le produzioni sono tenute a presentare i piani finanziari correlati di relativi contratti – per dimostrare la copertura finanziaria dell’intero budget del film –, devono totalizzare un punteggio minimo di ammissione, assegnato attraverso un nuovo reference system che tiene conto della qualità artistica e tecnica del progetto presentato.

I nuovi bandi sono stati elaborati in base alla disciplina comunitaria emanata dalla Commissione Europea e vengono incontro alle esigenze del mercato audiovisivo internazionale, con l’obiettivo di accrescere lo sviluppo e l’attrattività della Puglia. I bandi sono a fondo perduto e le spese ammissibili riguardano esclusivamente i costi sostenuti sul territorio pugliese, ad eccezione di Apulia Regional Film Fund. Tutti i contributi erogati da Apulia Film Commission restano in Puglia, trasformandosi in beni e servizi alle produzioni e generando ricchezza indotta sul territorio.

La Fondazione assegna risorse fino a un massimo dell’80% del budget effettivamente speso sul territorio regionale che comprende i costi di personale tecnico o artistico, produzione, post produzione, costumi, maestranze, scenografia, noleggio mezzi, trasporti, assicurazione, lavorazione pellicola, catering e alberghi. La crescita economica del territorio e il mantenimento dei traguardi raggiunti vanno di pari passo con la richiesta del mercato di storie originali ambientate in Puglia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here