Home Eventi Da Sorrentino a Dante, al via CliCiak alla Casa del Cinema

Da Sorrentino a Dante, al via CliCiak alla Casa del Cinema

CONDIVIDI

Toni-Servillo-foto-Gianni-Fiorito-788787Dal 17 dicembre  al 31 gennaio la Casa del Cinema di Roma ospita la 17esima edizione di CliCiak, concorso nazionale per fotografi di scena, a cura di Antonio Maraldi.

Una mostra frutto della selezione delle oltre 1.300 immagini, inviate da quasi una cinquantina di fotografi alla 17esima edizione di CliCiak, concorso nazionale per fotografi di scena, a documentazione di una settantina di film.

CliCiak, ideato e organizzato dal Centro Cinema Città di Cesena a partire dal 1998, mette a confronto le foto dei film, anche documentari, cortometraggi e per la televisione, dell’ultimo triennio (2011-2013), chiamando una giuria di esperti ad indicare la miglior fotografia in bianco e nero e a colori, e la miglior serie, sia in bianco e nero che a colori. A questi, si aggiungono i premi speciali “Ritratto di attore sul set” assegnato dalla direzione di Ciak e “Giuseppe e Alma Palmas” (per un fotografo per la prima volta presente al concorso).

La giuria di quest’anno, composta dalla storica della fotografia Giuseppina Benassati, dal critico Cesare Biarese e dal fotografo Franco Bellomo ha premiato i fotografi Valentina Glorioso (“Via Castellana Bandiera “di Emma Dante, miglior bianco e nero), Francesco Piras (“L’arbitro” di Paolo Zucca, miglior serie bianco e nero), Andrea Di Lorenzo (“Un giorno devi andare” di Giorgio Diritti, miglior colore), Gianni Fiorito (“La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, miglior serie colore).

Segnalazioni sono andate a: Paolo Bianchi (“Bellas marisposas” di Salvatore Mereu), Simone Falso (“La prima neve” di Andrea Segre), Fabrizio Di Giulio (“Ti ho cercato in tutti i necrologi” di Giancarlo Giannini), Claudio Iannone (“L’intrepido” di Gianni Amelio), Lia Pasqualino (“Viva la libertà” di Roberto Andò), Angelo R. Turetta (“Miele” di Valeria Golino e “Salvo” di Grassadonia e Piazza) e Loris T. Zambelli (“Altri tempi” di Marco Turco e “Bianca come il latte, rossa come il sangue” di Giacomo Campiotti).

Il premio Giuseppe e Alma Palmas è stato assegnato a Mauro Santoro (“Il Sud è niente” di Fabio Mollo). Il premio speciale “Ciak ritratto d’attore sul set”, indicato dalla redazione del magazine di cinema diretto da Piera Detassis, è andato per la sezione il bianco e nero a Silvia Profumi (“Zoran, il mio nipote scemo” di Matteo Oleotto) e per la sezione colore a Paolo Ciriello (“La mafia uccide solo d’estate” di Pif).

Al di là della competizione, CliCiak è stato pensato da un lato per rendere testimonianza del lavoro prezioso dei fotografi di scena e dall’altro per dare vita ad un fototeca sul cinema italiano contemporaneo, che ha superarto le 14.000 stampe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here