Home Eventi L’italiano “Resina” selezionato al Festival di Montréal, opera prima di Renzo Carbonera...

L’italiano “Resina” selezionato al Festival di Montréal, opera prima di Renzo Carbonera con protagonista Maria Roveran

CONDIVIDI

Maria-Roveran-RESINA-2017

“Resina” di Renzo Carbonera sarà presentato in anteprima mondiale al Festival des Films du Monde de Montréal. Il film verrà proiettato il prossimo 2 settembre.

La pellicola, che è l’opera prima per la fiction del regista vicentino-bavarese, ha come protagonista l’attrice veneziana Maria Roveran, che sarà al centro di una vicenda ambientata a Luserna, una piccola comunità del Trentino, dove la musica e l’ambiente non sono solo la cornice del racconto.

Un coro di uomini e un direttore donna. Una famiglia e una piccola comunità, in cui tutti hanno bisogno di ritrovare il senso d’unione per affrontare la sfida del domani. Un caleidoscopio di personaggi tinge di ironia e ritmo il racconto di un piccolo mondo, alle prese con i timori generati dal cambiamento climatico, e con la determinazione di una giovane donna intenta a riscoprire la bellezza della musica.

La giovane violoncellista Maria è delusa dallo spietato mondo della musica, così ritorna al paesino di montagna delle sue origini, una piccola enclave isolata dove si parla ancora una lingua arcaica: il cimbro. Qui quasi per caso, o forse perché è impossibile non trovarsi all’unico bar della piazza, Maria entra in contatto con il glorioso coro polifonico maschile di cui faceva parte suo nonno.

La storia di “una donna in un mondo di uomini” è quella narrata in “Resina” che è stato prodotto da OneArt Produzioni, la giovane casa di produzione del vicentino Bruno Benetti, con il sostegno della Trentino Film Commission, di Rai Cinema e di alcuni investitori privati.

Fanno parte del cast, oltre a Roveran, Thierry Toscan, attore francese ma residente in Veneto, già visto in “Il vento fa il suo giro” di Giorgio Diritti, i trevigiani Mirko Artuso e Diego Pagotto e i padovani Andrea Pennacchi, Vasco Mirandola, Valerio Mazzucato.

“L’intera storia è ispirata alle vicende recenti del Coro Polifonico di Ruda – racconta il regista Renzo Carbonera – un coro friulano di tradizione austro-ungarica, che ha saputo reinventarsi recentemente fino a diventare uno dei migliori cori maschili al mondo, da quando la direzione è stata affidata ad una ambiziosa musicista, Fabiana Noro”.

www.resinafilm.it  #Resinafilm

renzo-carbonera-2017

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here