Home Eventi Torna il RIFF – Rome Independent Film Festival dal 28 novembre al 10...

Torna il RIFF – Rome Independent Film Festival dal 28 novembre al 10 dicembre

CONDIVIDI
Tra i film in concorso l’italiano “Oltre La Nebbia – Il Mistero di Rainer Merz” di Giuseppe Varlotta con Pippo Delbono e un titolo LGBTQ. Il RIFF rende omaggio quest’anno a Valerio Zurlini. In programma oltre 100 film in anteprima Italiana, la Masterclass con Luciano Tovoli e ancora Focus sul cinema spagnolo e sull’India.

Torna il RIFF – Rome Independent Film Festival, diretto da Fabrizio Ferrari, con la XVI edizione dal 28 novembre al 10 dicembre alla Casa del Cinema di Roma. In programma oltre 100 film in anteprima Italiana.

Tra i titoli in concorso l’italiano “Oltre La Nebbia – Il Mistero di Rainer Merz” di Giuseppe Varlotta con Pippo Delbono, Corinne Clery Cosimo Cinieri. Al centro del film la scomparsa di un attore dal set di un film storico in fase di riprese ad una settimana dalla Pasqua. Un investigatore privato viene discretamente incaricato di indagare sulla scomparsa e fin dall’inizio egli prova l’inquietante percezione di essere in qualche modo coinvolto nelle vicende trascorse.

Dopo il successo dello scorso anno legato alla rassegna su Teddy Award, il Premio a tematica Queer della Berlinale, il RIFF propone quest’anno un titolo LGBTQ ovvero legato all’identità di genere. Una scelta che dimostra la volontà di indagare un tema che nel nostro paese suscita accesi dibattiti politici e sociali. Il film di quest’anno sarà “A Winter to Remember” dell’argentina Cecilia Valenzuela Gioia.

Quest’anno il Festival rende omaggio ad un altro grande autore del cinema italiano: Valerio Zurlini, a 35 anni dalla sua morte. Nella sua carriera produsse 10 film nell’arco di 20 anni di attività: caratteristica peculiare del cinema di Zurlini sono i personaggi, divisi sempre fra troppo passato, poco presente e nessun futuro.

Focus quest’anno sulla Spagna in musica e sui diritti umani alla kermesse romana. Il programma Opere Prime avrà, infatti, come sottotitolo “storie e canzoni”. Coordinato dalla Fondazione spagnola SGAE (Società Generale degli Autori e degli Editori) e dall’Instituto Cervantes. Il programma propone una panoramica sui registi emergenti che vuole dare voce ai più giovani e mostrare la diversa natura formale e tematica del cinema contemporaneo spagnolo, in cui la musica è uno strumento per avvicinarsi all’immaginario filmico.

Focus anche sul cinema dei paesi nordici, intitolato Viva il Nord, che avrà luogo sabato 2 dicembre alle ore 14.00, che analizzerà come il cinema del Nord Europa stia crescendo in questi anni e come in questi paesi la politica culturale stia contribuendo alla crescita di un settore ormai riconosciuto su scala mondiale.

Dall’8 al 10 dicembre inoltre il Focus sull’India presenterà un evento inedito in grado di gettare uno sguardo sul ricco panorama produttivo del cinema indiano. Un cinema che spazia dalla produzione di piccoli film realizzati da registi indipendenti a tutto quel filone che va sotto il nome di Middle Cinema, ovvero di un cinema contemporaneo che cerca di porsi nel solco della globalizzazione, ibridando la tradizione bollywoodiana con l’estetica del cinema americano ed europeo, cercando di catturare la realtà del Paese.

Il RIFF vuole inoltre utilizzare la tecnica del “day and date” con l’obiettivo di abbattere il sistema di finestre di distribuzione proiettando contemporaneamente due dei titoli in concorso sulla piattaforma VOD indiefilmchannel.tv.

Importante Masterclass al RIFF 2017 quella con Luciano Tovoli, direttore della fotografia, che si svolgerà giovedì 30 novembre alle ore 16.00. Classe 1936, Tovoli negli anni Settanta fu tra i protagonisti del rinnovamento dei canoni “luministici” del cinema italiano, importando nei film realizzati in studio il gusto per l’autenticità della fotografia di reportage. Anche regista, è stato fra i primi a incarnare in Italia un modello “colto” di direttore della fotografia. Ha vinto due Nastri d’Argento, nel 1976 per “Professione: reporter” di Michelangelo Antonioni e nel 1989 per “Splendor” di Ettore Scola, e un David di Donatello per “Il viaggio di Capitan Fracassa” (1990), sempre diretto da Scola.

La Giuria del RIFF Awards è composta quest’anno dall’autore e conduttore radiofonico e televisivo Giovanni Aversa, dallo sceneggiatore, regista e produttore Carl Haber (che ha fondato la Rome lnternational Film School), dalla docente sul cinema scandivano e nordico Hanna Laakso, da uno dei fondatori del Festival Internazionale del Cinema di Umea in Svezia e curatore di numerose altre kermesse Thom Palmen e dallo scrittore e regista David Rocchio.

Per la sezione cortometraggi italiani in concorso, in collaborazione con Rai Cinema Channel, verrà assegnato un premio al corto più web, per il valore di € 3.000,00. Il riconoscimento vuole premiare l’efficacia di un racconto che ben si presti ad essere diffuso sui canali web. Il premio consiste in un contratto di acquisto dei diritti web e free tv del corto, da parte di Rai Cinema e godrà della visibilità su www.raicinemachannel.it, sui suoi siti partner e, a discrezione dei responsabili delle reti, sui canali Rai.

Il RIFF – Rome Independent Film Festival è realizzato con il contributo e il patrocinio della Direzione Generale Cinema – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio. L’iniziativa è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2017 promosso da Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e in collaborazione con SIAE.
 
Per maggiori informazioni: www.riff.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here