Home Eventi “Querido Fidel”: opera prima di Viviana Calò al Bif&st 2021

“Querido Fidel”: opera prima di Viviana Calò al Bif&st 2021

CONDIVIDI
Gianfelice Imparato in “Querido Fidel”

“Querido Fidel” scrive ogni mese Emidio (Gianfelice Imparato), attempato comunista napoletano, dal tinello di casa che ha trasformato in un’eccentrica roccaforte del socialismo reale… E quel che è strano è che il “comandante” gli risponda. Ogni mese. Direttamente dall’Avana. Perfino in quelle settimane del 1991, quando in periodo especial e con la protettiva Unione Sovietica prossima alla dissoluzione, anche il baluardo caraibico del comunismo mondiale sembra avere i giorni contati… Una corrispondenza autoconsolatoria? Una mitomania?

“Querido Fidel” è il titolo dell’opera prima di Viviana Calò, giovane regista napoletana con residenza a Tenerife, che sarà presentato in anteprima mondiale domenica 26 settembre (con replica il giorno dopo) a “ItaliaFilmFest”, sezione competitiva del Bif&st 2021 – Bari International Film Festival, con la direzione, storica, di Felice Laudadio.

Prodotto dalla stessa regista (con la sua Teleaut Produzioni), da Davide Mastropaolo (per Audioimage) e da Dario Formisano (per eskimo), in collaborazione con la colombiana Malintzin 14 e con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Campania e della Regione Lazio, il film è interpretato anche da Ninni Bruschetta, Marco Mario De Notaris, Antonella Stefanucci, Valentina Acca, Marcella Spina, Agamenón Quintero e Alessandra Borgia, fedele e compassionevole moglie del bislacco protagonista e deus ex machina dell’intreccio.

Gianfelice Imparato (in questi giorni sul grande schermo in “Qui rido io” e in tv tra “I Bastardi di Pizzofalcone”), rivoluzionario giammai pentito che vediamo, abito e stivali militari, sigaro d’ordinanza, attraversare vicoli e lungomare della sua città, Napoli, inseguendo improbabili attentati all’imperialismo. Tollerato dai vecchi compagni, ormai anch’essi, sulla via di un irreversibile cambiamento e irriso da un figlio che a dispetto, del nome, Ernesto (come il Che), insegue invece un sogno e un tenore di vita decisamente yankee.

“L’idea centrale del film è molto semplice – dice la regista Viviana Calò – Che succederebbe se un uomo decidesse di vivere il proprio quotidiano, seguendo esclusivamente i propri ideali? Il protagonista della mia storia altro non è che un sognatore, un ‘picchiatello’, che vive l’eterno conflitto tra la propria ideologia e la realtà con cui è costretto a confrontarsi tutti i giorni. Questo contrasto si amplifica maggiormente nelle differenze tra generazioni: quella di chi è cresciuto a ‘pane e rivoluzione’ e quella di chi, i più giovani, sono invece cresciuti nel mito del consumo e del capitalismo”.

“Querido Fidel” è distribuito internazionalmente da Fandango Sales e aspira invece a essere nelle sale e in distribuzione nazionale nel corso del prossimo novembre. “Magari in coincidenza con il quinto anniversario della morte di Castro, con il suo carico di celebrazioni e riflessioni che imporrà a tutto quel popolo della sinistra, e non solo, comunque la pensi sulla singolarissima storia di quel paese contraddittorio e meraviglioso che è Cuba”, dicono i produttori. “Il 25 novembre, che è anche il primo anniversario della morte di un altro sudamericano, forse il più famoso tra i fan di Fidel, Diego Armando Maradona. Che cosa c’entra Maradona con Querido Fidel? Diciamo che è il soggetto di una delle scene più divertenti…”.

Al Bif&st 2021 “Querido Fidel” sarà una delle sei opere inedite di produzione italiana a concorrere per i premi Ettore Scola (migliore regia), Mariangela Melato (migliore attrice), Gabriele Ferzetti (migliore attore), assegnati da una giuria popolare di 24 spettatori coordinata dalla giornalista Antonella Matranga.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here