Home Eventi Papa Francesco, apertura storica sulle unioni gay: “Le persone omosessuali sono figli...

Papa Francesco, apertura storica sulle unioni gay: “Le persone omosessuali sono figli di Dio”

CONDIVIDI
Lo afferma il Papa nel documentario “Francesco” di Evgeny Afineevsky, presentato alla Festa del Cinema di Roma e premiato dal Filming Italy Los Angeles

“Le persone omosessuali sono figli di Dio e hanno diritto a una famiglia. Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo. Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo sono coperti legalmente. Mi sono battuto per questo”. Lo afferma il Papa nel documentario “Francesco” di Evgeny Afineevsky, presentato ieri alla 15esima edizione della Festa del Cinema di Roma tra gli Eventi Speciali.

Il Filming Italy Los Angeles ha consegnato in anteprima al regista Evgeny Afineevsky il premio “Best Documentary Award” per questo film dedicato a Papa Francesco. Il premio al regista è stato consegnato alla presenza della coproduttrice Gisella Marengo durante una cerimonia che si è tenuta ieri a Palazzo Dama, a seguito della proiezione del documentario.

Filming Italy Los Angeles – creato e organizzato da Tiziana Rocca, direttrice artistica del premio, da Agnus Dei e Valeria Rumori, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura Los Angeles per promuovere l’Italia come set cinematografico e fare da ponte tra la cultura italiana e americana – si svolge ogni anno presso l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e l’Harmony Gold Theater, alla presenza di personalità dell’industria cinematografica italiana e hollywoodiana.

Il Filming Italy Los Angeles da sempre supporta e proietta i docufilm con tematiche legate a valori importanti, per questo ha voluto premiare Evgeny Afineevsky per il suo documentario “Francesco”, nel quale ha affrontato temi particolarmente rilevanti, come quello della pandemia, del razzismo, degli abusi sessuali, ricorrendo a immagini di grande impatto. Nel film si parla della guerra in Siria e Ucraina ma anche della persecuzione dei Rohingya.

Il Papa, si legge nel comunicato nel quale si presenta il film, risponde alle domande “con saggezza e generosità”, condividendo “esempi commoventi delle sue lezioni di vita”, rilanciando ideali che “ci possono aiutare a costruire un ponte verso un futuro migliore e crescere come comunità globale”. Il regista, durante un’udienza privata dal Santo Padre che si è tenuta ieri mattina, ha ricevuto la benedizione ed un regalo speciale, una torta dedicata proprio a lui.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here