Home Newsletter “Ruggine” di Gaglianone in concorso alle Giornate degli Autori 2011

“Ruggine” di Gaglianone in concorso alle Giornate degli Autori 2011

CONDIVIDI

Il film “Ruggine” di Daniele Gaglianone sarà presentato in Concorso alle prossime Giornate degli Autori, la prestigiosa sezione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto – 10 settembre), e contemporaneamente uscirà nelle sale italiane.

Nel cast Filippo Timi, Stefano Accorsi, Valerio Mastandrea e Valeria Solarino. Il film è prodotto da Fandango e Zaroff in collaborazione con Rai Cinema ed è distribuito da Fandango.

Tratto dall’omonimo romanzo di Stefano Massaron (ed. Stile Libero – Einaudi), “Ruggine” racconta di una “banda” di ragazzini, immigrati meridionali nel desolato quartiere gli Alveari alla periferia di una grande città del Nord. Nella terra di nessuno – tra città e campagna – un grande deposito, “mostro” di rugginosi rottami metallici, castello immaginario del gioco e dell’avventura. D’improvviso un altro mostro, stavolta in carne ed ossa e d’un tratto tutto cambia: i bambini, da soli, si trovano ad affrontarlo… Le scaramucce tra bande avverse, le esplorazioni, i primi timidi sentimenti, l’affannosa ricerca del proprio ruolo nel gruppo vengono cancellati dal pericolo, in quell’estate di paura che ciascuno porterà nella memoria come un insostenibile fardello. Trent’anni dopo Sandro, Carmine, Cinzia sono ancora marchiati da quell’esperienza incancellabile che ha segnato la fine dell’infanzia.

Dichiara Daniele Gaglianone: “Come raccontare la storia di Ruggine? Posso partire dalle favole, che anche se le associamo ai bambini e ad un’età che vogliamo preservare come innocente, raccontano a volte storie terribili e spaventose; e come accade spesso nelle fiabe, in questa storia un gruppo di bambini incontra l’orco, l’uomo nero. È la storia di una battaglia contro il male assoluto che divora l’infanzia”.

La pellicola verrà proiettata a Venezia giovedì 1° settembre e uscirà nelle sale il 2 settembre con Fandango Distribuzione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here