Home Eventi “L’estate di Giacomo” di Comodin vince il Sulmonacinema 2011

“L’estate di Giacomo” di Comodin vince il Sulmonacinema 2011

CONDIVIDI

Si è conclusa la 29esima edizione del Sulmonacinema Film Festival (3-7 dicembre 2011). Tra gli otto film in concorso la giuria presieduta da Enrico Ghezzi e composta da studenti e diplomati al DAMS di Bologna, SNC di Roma, Accademia dell’Immagine dell’Aquila, Università “La Sapienza” di Roma, Università di Pescara, ha assegnato i seguenti premi:

– Gran Premio del Festival, Ovidio d’argento per il Miglior Film a “L’estate di Giacomo” di Alessandro Comodin, “un film che con estrema leggerezza, dolcezza e allo stesso tempo profondità dimostra la possibilità di penetrare nell’intimità quotidiana del giovane protagonista e del suo handicap. Il tutto grazie a un utilizzo puro del mezzo cinematografico”.

– Ovidio d’argento per la Miglior Regia a Roan Johnson per “I primi della lista”, “è un film divertente ed emozionante che rappresenta gli anni ’70 con l’ironia della commedia e la puntualità della ricerca storica a partire dalla fonte orale. La giuria ha apprezzato profondamente la lettura sociale e politica dell’epoca in chiave ironica e in stretta relazione con l’attuale situazione nazionale, nel solco della tradizione della commedia all’italiana”.

– Premio Miglior Interpretazione Femminile a Pasqualina Scuncia per la sua intepretazione nel film “Corpo Celeste” di Alice Rohrwacher, “Per l’interpretazione realistica della catechista perfettamente inserita nel contesto narrativo che esalta l’alienazione della piccola Marta. Una piacevole sorpresa per un personaggio secondario che grazie alla sua interpretazione riesce a incarnare il contesto sociale della bigotta realtà di periferia”.

– Premio Miglior Interpretazione Maschile a Paolo Cioni e Francesco Turbanti per la loro intepretazione nel film “I primi della lista” di Roan Johnson, “Spalleggiandosi e arricchendosi a vicenda Paolo Cioni e Francesco Turbanti interpretano con intensità e maestria unite all’entusiasmo degli esordienti, di cui il cinema italiano sente evidentemente un gran bisogno, la generazione e i valori raccontati nel film”.

– Premio Soundtrack per la Miglior Colonna Sonora (ex-aequo) a Bebo Ferra per le musiche del film “Tutto Bene” di Daniele Maggiori (“Le stupende musiche soft jazz del chitarrista e compositore Bebo Ferra si inseriscono senza mai invadere e sovrastare il film Tutto bene, come per sottolineare con pudore la delicatezza dei sentimenti”) e Mario Salvucci per le musiche del film “The Dark Side of the Sun” di Carlo Hintermann (“La musica originale di Mario Salvucci è un contributo attento, partecipe, mai invasivo, ma sottilmente e emozionalmente utile nel sottolineare The Dark Side of the Sun. Una musica che si insinua alla perfezione nelle immagini, aggiungendo e sottraendo al contempo laddove è necessari”).

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here