Home Eventi Bellaria Film Festival 2017: vincono “Sagre balere” di Alessandro Stevanon e “Hidden...

Bellaria Film Festival 2017: vincono “Sagre balere” di Alessandro Stevanon e “Hidden photos” di Davide Grotta, tutti i vincitori

CONDIVIDI

Giuria-con-al-centro-Alessandro-Stevanon-Bellaria-Film-Festival-oto Credits - Ilaria Scarpa e Luca Telleschi

Si è conclusa domenica 28 maggio con la cerimonia di premiazione e il grande concerto di Stefano Bollani, l’edizione numero 35 del Bellaria Film Festival, storico appuntamento con il cinema del reale che quest’anno ha registrato un grande successo di pubblico e che porterà tutti i film vincitori a Roma dall’8 all’11 giugno al Cinema Farnese.

Ad aggiudicarsi il prestigioso Concorso Italia Doc, vetrina sulla miglior produzione documentaria italiana, è stato “Sagre balere” di Alessandro Stevanon, presentato al festival in anteprima italiana. Nello stesso concorso la Menzione Gianni Volpi, intitolata a uno dei padri storici del BFF, è andata al film “See you in Texas” di Vito Palmieri.

Ad aggiudicarsi il Concorso Casa Rossa, riservato ai documentari sul mondo dell’arte, è stato il film “Hidden photos” di Davide Grotta. La Menzione Paolo Rosa, intitolata all’artista multimediale creatore di Studio Azzurro, è stata invece assegnata a “Tomba del tuffatore” di Yan Cheng e Federico Francioni.

È stata un’edizione particolare, con tanti eventi come l’omaggio al critico cinematografico Alberto Farassino che ha visto la presentazione della speciale riedizione, a cura di Cue Press, di uno dei suoi titoli principali: “Neorealismo. Cinema italiano 1945-1949”; o la serata dedicata a Ustica con la presentazione del docufilm “Ustica. Il missile francese” seguita dall’evento crossmediale in cui le sonorità di Colapesce hanno incontrato le immagini di Vittorio De Seta; o ancora la prima assoluta di “Ascoltate! Romagna Relax” a cura della compagnia Menoventi.

Non solo, la partecipazione di autori provenienti da tutta Italia, arrivati a Bellaria per presentare le proprie opere di cinema del reale, ha reso ancora di più la manifestazione un punto di riferimento per tutto il mondo del documentario.

Giuria-con-al-centro -Davide-Grotta-2017

TUTTI I PREMI E LE MOTIVAZIONI

La giuria presieduta dall’autore e regista Gianfranco Pannone e composta da composta da Natalie Cristiani (regista, vincitrice nel 2016 del Bellaria Casa Rossa Art Doc con “La Artefacta”), Alberto Lastrucci (direttore Festival dei Popoli), Marco Migani aka Inserire Floppino (musicista e artista visivo) e Enza Negroni (regista, presidente D.E-R Documentaristi Emilia Romagna) ha assegnato quattro riconoscimenti.

“Sagre balere” di Alessandro Stevanon si è aggiudicato il premio di 4.000 euro del Concorso Italia Doc, con la seguente motivazione: “Una finestra su un pezzo d’Italia marginale, o più propriamente marginalizzato dalla cosiddetta “cultura alta”. Omar Codazzi, il cantante protagonista, è un puro? Certo è molto amato dal suo pubblico. Ed ecco che l’autore cerca di restituirci l’uomo grazie a una complicità intelligente. Ne esce anche il ritratto di un’Italia in via di estinzione, ma non troppo. Un’Italia che fa riflettere sia dal punto di vista sociale che antropologico”.

La Menzione speciale intitolata alla memoria di Gianni Volpi è stata invece assegnata a “See you in Texas” di Vito Palmieri, con la seguente motivazione: “È un film di ricerca, di scoperta, nel quale la giovane coppia protagonista, con la sua quotidianità, ci svela un mondo antico a cui ha scelto di appartenere con passione. Un mondo fatto di fatiche e di sogni, dove il passato e le nostre origini rurali tornano a vivere prepotentemente dopo anni di cultura consumistica. L’opera apre un’ulteriore finestra sul dibattito in corso fra il cinema del reale, il cinema di finzione e le sue contaminazioni”.

Per il Concorso Casa Rossa Art Doc, si aggiudica il premio di 1.000 euro, “Hidden photos” di Davide Grotta, con la seguente motivazione: “Hidden Photos svela un nascosto autentico e terrificante della storia cambogiana: quella di Pol Pot e Khmer Rossi. Il film si propone con un rigore e una semplicità che tiene in considerazione anche il punto di vista dello spettatore. I due testimoni ci restituiscono, grazie allo sguardo attento dell’autore e alla costruzione del racconto, un divario generazionale che non appartiene solo alla Cambogia: l’uomo del passato che con spregiudicatezza fa della storia un business e il giovane che cerca di dare un senso alla storia antica del proprio paese”.

Chiude la rosa dei premiati “Tomba del tuffatore” di Yan Cheng e Federico Francioni che vince la Menzione speciale intitolata alla memoria di Paolo Rosa, con la seguente motivazione: “Attraverso l’accostamento piacevolmente inconsueto tra situazioni tipiche ed evocative, il film propone una ricognizione poetica e ragionata su una delle località turistiche più celebri del nostro paese”.

Il Bellaria Film Festival è promosso dal Comune di Bellaria Igea Marina con il sostegno della Regione Emilia-Romagna; e organizzato da Bellaria Igea Marina Servizi con la direzione artistica di Simone Bruscia. Si segnala inoltre per questa edizione la fondamentale collaborazione con le associazioni D.E-R Documentaristi Emilia-Romagna, Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani e DIG – Documentari Inchieste Giornalismi.

Per maggiori informazioni: www.bellariafilmfestival.org

Foto Credits: Ilaria Scarpa e Luca Telleschi

Stefano-Bollani-Bellaria-Film-Festival-Foto Credits - Ilaria Scarpa e Luca Telleschi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here